IL KAIZEN: IL METODO DEL SUCCESSO

In questo post condividerò con te le mie conoscenze sul metodo Kaizen che è uno dei pilastri della mia metodologia di Coaching. Ci tengo a farlo perché è un metodo facile da applicare e utilissimo per eliminare la resistenza all’azione e instillare un’abitudine duratura di crescita costante. 

IL KAIZEN: ORIGINI E SIGNIFICATO

Questo metodo nacque nell’America della Grande depressione e fu importato in Giappone dagli Stati Uniti quando questi cercarono di incoraggiare la ricostruzione del paese dopo la Seconda guerra mondiale.

改善

Kaizen scritto in giapponese

Kaizen è la composizione di due termini giapponesi, KAI (cambiamento) e ZEN (migliore), e significa cambiare in megliomiglioramento continuo.

LA STRATEGIA DI BASE E IL VANTAGGIO SIGNIFICATIVO DEL KAIZEN

La strategia alla base di questo metodo consiste nell’iniziare con un piccolissimo cambiamento e poi ampliarlo fino ad ottenere un progresso significativo. E il vantaggio sta proprio in questo: più piccoli sono i cambiamenti, meno sono faticosi e minore la paura di fallire o di non esserne soddisfatti; ma la loro portata sarà enorme poiché ogni piccolo cambiamento crea fin da subito un precedente  e quindi una nuova abitudine permanente.
Questa metodologia chiede di fare azioni concrete, minime ma concrete.
Ad esempio: Ipotizzate che c’è sistemare il giardino. Il primo passo potrebbe essere tirare due erbacce, il secondo piantare una piantina… e così via.
Sembrano insignificanti come azioni… invece è proprio qui il nocciolo di questo metodo: iniziare da azioni così piccole da non suscitare resistenza e da non avere ragioni per rimandarle o eluderle. 

IL KAIZEN: UTILITÀ, SIA IN AMBITO PERSONALE CHE PROFESSIONALE

Il metodo Kaizen apporta cambiamenti significativi nel tempo, e, come già scritto, ciò avviene per gradualità, così facendo annulla la resistenza e la non azione e  mette nella condizione di ottenere risultati.
Sia in ambito personale che professionale è utile, tra le altre cose,  per aumentare l’autodisciplina, ad annulare l’autolimite, ad essere concreti e produttivi.
Esempio: Mi capita spesso di sentir dire “In questo mese mi metto sotto e perdo 10 kg!” e di sorridere, perché so già cosa accadrà. Infatti poi incontro nuovamente le persone dell’affermazione e riscontro che, come avevo preventivato, non hanno portato a termine il loro obiettivo.

Un obiettivo fuori portata, ovvero un obiettivo in cui chiediamo a noi stessi, o al nostro team, trasformazioni drastiche e nette, ha scarse percentuali di essere raggiunto.

Da quello che hai letto nella pagina di presentazione  (Chi sono), saprai che, tra le altre cose, amo la natura. Ma cosa ci azzecca con il kaizen ti chiederai adesso? Beh, ci azzecca parecchio, poiché è un’ottima performer e anche un’ottima insegnate…
Se le persone si fermassero ad osservarla, si accorgerebbero subito che i mutamenti che attua sono incrementali: hai mai visto un arbusto diventare tre metri nel giro di una notte? no? nemmeno io.
Ed è questo che pretendiamo quando ci poniamo obiettivi come perdere 10 kg in un mese. Poiché la regola è il cambiamento, ma non la trasformazione immediata e radicale.

RIASSUMENDO

• Il kaizen è un metodo importato in Giappone dall’America.
• Il termine Kaizen esprime il miglioramento continuo.
• La strategia consiste nell’iniziare da un piccolissimo cambiamento per ottenerne uno significativo.
• Il vantaggio sta principalmente nel fatto che più piccoli sono cambiamenti, meno sono faticosi e minore è la paura di fallire.
• È utile, tra le altre cose, per aumentare la disciplina e la costanza. per essere più produttivi e realistici.

IN CONCLUSIONE

Il metodo Kaizen ti aiuta ad ottenere un cambiamento duraturo colmando il gap tra ciò che sei adesso e ciò che vuoi divenire, sia in ambito professionale che personale, e lo fa partendo da un’azione che ti viene semplice da compiere.

"Come raggiungere un obiettivo? Senza fretta ma senza sosta."

– Johann Wolfgang Goethe

Iscriviti alla Newsletter e lasciati ispirare da storie di valore.

Ti è piaciuto questo post? Cosa ti ha dato?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *